Associazione di Promozione Sociale iscritta nel registro provinciale di Bologna P.G. 176221/2010 Registro n. 2738/2010
Scuola di musica riconosciuta per l’anno scolastico 2016/2017 con determinazione n.6248 del 19.04.2016  della Responsabile del Servizio Istruzione della Regione Emilia-Romagna, di cui alla DGR n. 2254/2009 come modificata dalla DGR n. 2184/2010
 
CORSO DI VIOLINO
 
Premessa
Il corso di violino, per tutte le fasce d’età, bambini, ragazzi ed adulti, è rivolto sia a coloro che vogliono avere un approccio immediato, divertente e piacevole con lo strumento, sia a coloro che vogliono intraprendere ed approfondire seriamente lo studio e l’interpretazione musicale. Le lezioni sono individuali, strutturate per grado di preparazione con possibilità di personalizzare il programma di studio, dalla propedeutica al perfezionamento post-diploma.
 
Corso di Violino

Programma Didattico (Bambini da 5 a 13 anni)

- Impostazione della corretta posizione del corpo con lo strumento;
- Sviluppo del sens oritmico e del coordinamento motorio;
- Educazione all’orecchio musicale, apprendimento della notazione e delle strutture ritmiche;
- Sviluppo della tecnica dell’arco a partire dalle corde vuote;
- Intonazione ed esecuzione dei primi suoni;
- Capacità di riprodurre modelli musicali con la voce e con lo strumento;
- Studio ed esecuzione di brani del repertorio popolare e classico, anche in forma di duetto per sviluppare la pratica della musica d’insieme dove nella scelta dei brani si cercherà di stimolare l’interesse e la voglia di sperimentare.
- Sviluppo delle capacità espressive individuali;
- Potenziamento delle capacità logiche, di osservazione, concentrazione ed immaginazione

Programma Didattico - (Adulti qualsiasi età)

In relazione alle diverse e particolari esigenze degli allievi, il programma di studio si può differenziare in corso “professionale” e corso “amatoriale”, dalla semplice conoscenza di base alla preparazione professionale.
Lettura, studio, analisi ed esecuzione di brani del repertorio classico, popolare, tradizionale e folkloristico; contributo personale alla realizzazione dei modelli musicali proposti, negli aspetti dinamici, agogici e timbrici, nel rispetto della struttura ritmica e melodica, unitamente all'approfondimento degli aspetti estetici, formali e storici della musica eseguita. Nozioni di acustica riguardanti i parametri del suono ed il riconoscimento dei suoi attributi fisici per l’acquisizione di una maggiore consapevolezza nella realizzazione dell’evento sonoro.

Corso di Violino

Attività Formative:

  • Educazione dell’orecchio;
  • Educazione alla ritmica;
  • Analisi e studio della teoria della musica;
  • Lettura e scrittura della musica;
  • Pratica strumentale mediante lo studio approfondito del violino;
  • Controllo della postura e corretto sviluppo senso - motorio nelle tecniche specifiche ed esecutive della pratica strumentale;
  • Lettura ed interpretazione musicale con lo strumento;
  • Ascolto nella pratica strumentale individuale e di gruppo;
  • Ascolto e comprensione dei fenomeni sonori e dei messaggi musicali;
  • Comprensione ed uso dei linguaggi specifici;
  • Analisi ed interpretazione di brani musicali;
  • Esecuzione e d’espressione vocale e strumentale;
  • Rielaborazione guidata e autonoma di materiali sonori;
  • Studio e analisi della cultura musicale generale;
  • Studio e analisi della storia della musica in rapporto al repertorio da interpretare;
  • Esplorazione, conoscenza e fruizione del patrimonio storico – culturale - musicale;
  • Educazione estetica e del gusto musicale;
  • Educazione all’autoascolto e all’autovalutazione sia nei momenti di studio che nelle esecuzioni dei brani ;
  • Analisi e riconoscimento delle fondamentali strutture del linguaggio musicale anche nell’ambito dell’ascolto e/o dell’esecuzione dei brani; Organizzazione di iniziative, manifestazioni, concorsi, masterclass, incontri e/o visite guidate atti anche ad orientare gli alunni verso scelte future scolastiche ed extrascolastiche.

Metodologie, Mezzi, Strumenti

La disciplina verrà impartita cercando di seguire il metodo induttivo.

La metodologia utilizzata ha lo scopo di facilitare e favorire in modo graduale la comprensione, l’apprendimento e la sistemazione logica delle conoscenze e la loro rielaborazione in maniera personale.

Si cercherà di sfruttare non solo l’ambiente del Centro Formazione Musicale ma anche quello extrascolastico per favorire la partecipazione a diverse iniziative (concerti, lezioni -concerto, spettacoli musicali, incontri dimostrativi per conoscere in modo diretto i diversi contesti e organici in cui viene utilizzato lo strumento musicale studiato dagli alunni) e per organizzare eventuali preparazione ad esami ,concorsi, masterclass, corsi e/o incontri di carattere musicale, manifestazioni musicali, musicals, etc., che hanno come protagonisti gli alunni.

L’attuazione delle attività formative indirizzate al raggiungimento degli obiettivi formativi prevede le seguenti azioni e strategie didattico – metodologiche

  • Svolgere esercizi di percezione,analisi e memorizzazione degli eventi acustici in genere, anche dell’ambiente circostante;
  • Svolgere appropriati esercizi finalizzati allo sviluppo e al potenziamento delle capacità ricettive, percettive, intuitive, psicomotorie, creative ed espressive degli
  • alunni;
  • Svolgere appropriati esercizi su strumenti adatti (anche occasionali o presenti nell’ambiente circostante) per l’acquisizione delle caratteristiche del suono (altezza, intensità, timbro e durata) e audizioni che mirino allo sviluppo della sensibilità uditiva in generale;
  • Svolgere appropriati esercizi finalizzati a sviluppare e potenziare il senso ritmico, melodico, armonico, timbrico, dinamico ed interpretativo;
  • Impostare e guidare gli alunni nell’acquisizione delle tecniche necessarie per suonare il violino;
  • Guidare gli alunni al controllo della postura e al corretto sviluppo senso - motorio nelle     tecniche specifiche ed esecutive della pratica strumentale;
  • Guidare gli alunni alla conoscenza dell’apparato vocale e dell’organo uditivo;

  • Guidare gli alunni all’ascolto e all’analisi di brani musicali e/o di eventi sonori di vario genere e di diverse epoche e provenienza, con particolare riferimento al violino, in cui trovino riscontro la storia della musica e le differenti pratiche esecutivo - musicali vocali e strumentali, anche con riferimenti comparativi agli altri avvenimenti storici, sociali, culturali e scientifici;
  • Esercitazioni mirate a sviluppare per mezzo dell’ascolto di semplici brani la capacità di individuare e saper trascrivere, anche in modo non convenzionale, la struttura musicale su cui è fondato l’evento sonoro preso in esame;
  • Guidare gli alunni ad ascoltare anche con riferimenti comparativi nell’ambito di un’audizione di un brano musicale;
  • Guidare l’alunno ad acquisire un valido e corretto metodo di studio;
  • Guidare gli alunni a riprodurre per imitazione, sia con la voce che con lo strumento,
  • ciò che ascoltano;
  • Guidare gli alunni a riprodurre con la voce, anche per imitazione, ciò che eseguono
  • con lo strumento;
  • Guidare gli alunni a riprodurre con lo strumento, anche per imitazione, ciò che
  • eseguono con la voce;
  • Guidare gli alunni ad ascoltare, ascoltarsi e correggersi durante un’esecuzione musicale individuale e di gruppo;
  • Guidare gli alunni a conoscere e comprendere i diversi argomenti della teoria della
  • musica anche partendo da quanto acquisito e attuato nella pratica musicale;
  • Attivare precise azioni volte ad avviare gli alunni alla lettura musicale (ritmica,
  • parlata, cantata e suonata);

  • Attivare precise azioni volte ad avviare gli alunni alla discriminazione di un evento sonoro dal punto di vista ritmico, melodico, armonico, timbrico, dinamico ed in relazione alle diverse caratteristiche del suono, anche attraverso specifici dettati e momenti di improvvisazione;
 

  • Guidare gli alunni all’acquisizione di una certa autonomia nella lettura ed interpretazione di una composizione musicale;

  • Guidare gli alunni a riprodurre graficamente, anche con codici non convenzionali, ciò che ascoltano;

  • Svolgere appropriati esercizi finalizzati a guidare gli alunni al riconoscimento e alla descrizione di generi musicali, forme elementari, semplici condotte compositive e degli elementi fondamentali della sintassi musicale;
  • Svolgere appropriati esercizi finalizzati a sviluppare la capacità di concentrazione, coordinazione e organizzazione sia nella pratica esecutiva che nei momenti di
  • ascolto;
  • Attivare precise azioni mirate ad esplorare, conoscere e fruire del patrimonio musicale che ha tracciato le fasi storico musicali più significative in cui trova riscontro il violino, quale importante mezzo per meglio comprendere il passato che è fulcro e anima della contemporaneità;
  • Guidare gli alunni in attività di analisi funzionale e comparativa dei brani musicali per sviluppare le capacità di applicarle sia nell’ambito di un ascolto sia nella pratica esecutivo -interpretativa strumentale e vocale;
  • Guidare gli alunni all’ interpretazione di esercizi, studi e brani di vario genere e di difficoltà adeguati alle loro potenzialità e al loro grado di preparazione;
  • Svolgere appropriati esercizi finalizzati all’ impostazione, allo sviluppo e al potenziamento
  • delle diverse tecniche esecutive e guidare gli alunni al loro corretto utilizzo nella pratica strumentale e vocale;
  • Avviare progressivamente gli alunni alla pratica strumentale e vocale, individuale e
  • d’insieme, sia per lettura che per imitazione;
  • Esercitazioni mirate a far acquisire e sviluppare le tecniche di produzione dei suoni a diverse velocità e durate nella pratica strumentale e vocale;
  • Esercitazioni mirate a far acquisire e sviluppare le tecniche atte a produrre differenziazioni dinamiche e timbriche in rapporto alle esigenze esecutive;
  • Guidare gli alunni ad esprimersi individualmente e in gruppo, anche con accompagnamento su base o dal vivo, attraverso esecuzioni strumentali e vocali solistiche e d'insieme;
  • Esercitazioni individuali e di gruppo mirate a favorire l’uso e il controllo dello strumento e della voce nella pratica esecutiva solistica e collettiva anche in correlazione col segno -gesto - suono e nel rispetto di tutte le valenze semantiche che comporta il linguaggio musicale;
  • Guidare gli alunni all’attività della musica d’in sieme (partendo da elaborazioni di semplici melodie note e da composizioni e/o adattamenti di brani preesistenti per giungere a brani di vario genere e forma più impegnativi appositamente selezionati nel rispetto dell’organico e del livello tecnico, di competenza ed esecutivo - strumentale raggiunto dal singolo alunno o dal gruppo con cui si opera) attraverso un percorso che favorisca la loro partecipazione attiva;
  • Guidare gli alunni ad elaborare autonomamente materiali sonori attraverso la produzione di s emplici improvvisazioni (libere o su schemi predefiniti), semplici rielaborazioni e arrangiamenti strumentali e/o vocali di brani di vario genere adattandoli ai diversi stili anche in forma polifonica e poliritmica;
  • Guidare gli alunni all’utilizzo del linguaggio musicale quale importante mezzo per esprimere sentimenti e stati d’animo;
  • Rimuovere le difficoltà specifiche di ogni singolo allievo con azioni individualizzate
  • e appropriati esercizi (anche strutturati) proposti dal docente laddove i classici testi
  • non fossero sufficienti;
  • Esercitazioni mirate a sviluppare le capacità creativo - elaborative ed esecutive con l'apporto delle tecnologie elettroniche, audiotecniche, informatiche e multimediali;

Lo Strumento

  • condotta dell'arco nelle sue diverse parti;
  • controllo dell'arco volto ad ottenere differenti intensità;
  • controllo dell'arco volto ad ottenere differenze timbriche (più o meno vicino al ponticello o alla tastiera);
  • padronanza dei principali colpi d'arco dei due ambiti: legato, staccato.
  • conoscenza delle diverse applicazioni delle dita in prima posizione e controllo dell'intonazione;
  • controllo dell' intonazione in successione dei suoni per gradi congiunti (scale) e non e con l'utilizzo di diverse applicazioni delle dita;
  • controllo del movimento, della condotta dell'arco;
  • esplorazione e capacità d'utilizzo delle possibilità timbriche dello strumento (es. diversi tipi di pizzicato, glissando, suoni armonici ecc ...);
  • controllo dell'arco e dell'intonazione nelle corde doppie e primi elementi di polifonia;
  • Acquisizione di un valido e autonomo metodo di studio. Gli alunni dovranno eseguire con consapevolezza semplici studi e/o brani solistici e d'insieme appartenenti a diversi generi, epoche, stili, di difficoltà tecnica adeguata al percorso compiuto e al grado di preparazione raggiunto dal singolo e dal gruppo.
 

Iscrizione al corso e richiesta informazioni:

Il corso di Violino è tenuto dal maestro Paolo Buconi
Sede didattica : MusicArti - Via della Casa Buia, 6 - 40129 Bologna (Parco Giardini di Corticella)
E' possibile richiedere informazioni inviando una e-mail a info@musicarti.it indicando il proprio nome, cognome e numero di telefono verrete successivamente ricontattati.

 
MUSICARTI
- Gloria
- Alessandro
- Progetto e statuto
- Dove siamo
- La struttura
- Iscrizioni e sostenitori
- 5x1000
- Moduli
- Contatti
 
CORSI
- Solfeggio
- Batteria e ritmica
- Basso e Contrabbasso
- Pianoforte
- Sassofono
- Cubase
- Propedeutica per bambini
- Seminari
- Combo Band
- Violino
- Scrittura Musicale per pc
- DJ
 
SERVIZI
- La sala prove
- Registrazione demo
- Spettacoli e concorsi
- Trascrizione spartiti
 
PRODUZIONI
- Compilation
 
COLLABORATORI
- Lamberto
- Alfio
- Andrea
- Marco
- Giusi
- Fulvio
- Biagio
- Giovanni
- Francesca
- Alberto
- Elena
 
SPAZIO ARTISTI
- Professione musica
 
ALLIEVI
- Gli allievi
 
CONCERTI e SPETTACOLI
- Allievi live
- Vociferando Festival
 
BLOG
- Il Blog di MusicArti
 
LINKS
- Gloria Bonaveri
- Vociferando Festival
- DLF Bologna
- S.I.A.E.
- Enpals
- Sindacato Artisti Musica
- All for music
- G.Art Guitars
 
CANALI MULTIMEDIA